DNAUDIO: LAMM ML3 – “L’ amplificatore dell’anno !”

Ogni amplificatore LAMM che abbiamo misurato ha sempre raggiunto senza problemi, ed a volte ha superato, la cifra indicata nelle sue specifiche. Il raggiungimento di dati di misurazione buoni dalle apparecchiature valvolari, cosa notoriamente difficile da ottenere, è la testimonianza del dominio di un progettista di talento,  l’ Expertise di Vladimir Lamm nella progettazione di apparecchiature elettroniche audio è sicuramente un valore aggiunto anche per gli amplificatori ML 3 Signature. 

TASPochi individui nel settore audio hanno creato prodotti di interesse così universale con un così grande riconoscimento critico come è riuscito a fare Vladimir Lamm, che aggiorna i suoi prodotti di rado, ma piuttosto crede nell’idea di progettarli bene sin dall’inizio, anzichè modificarli non appena gli sorgono idee nuove. Peter Breuninger (giornalista TAS) ha sottolineato: il suono dell’ampli LAMM ML3 Signature si merita l’appellativo di “Suono Assoluto”.  

Per 30 anni, noi abbiamo fruito dell’illusione di ascoltare nello spazio strumenti reali non amplificati. Ora, con questa scalata LAMM allo Stato dell’Arte si può (quasi) eliminare la parola “illusione”. Con questi amplificatori Vladimir Lamm ottiene ciò che tutti noi cerchiamo nella riproduzione della musica – il suono reale degli strumenti dal vivo nello spazio, riducendo od eliminando due delle principali colorazioni sonore che tanto fanno parlare i giornalisti: nebbia elettronica e mediobasso gonfio (electronic haze and midbass overhang). Il biglietto di ingresso è indiscutibilmente alto, ma la performance ottenuta è ancora più elevata. Se date valore al realismo sonoro e disponete di un diffusore dalla sensibilità  e trasparenza adeguata al compito, l’amplificatore LAMM ML3 Signature “non ha pari “. A riconferma della indiscutibile qualità delle elettroniche LAMM, al CES di Las Vegas 2011, i finali ML3 Signature si aggiudicano il riconoscimento di Best Sound. 

Steven Stone, 11 Gennaio 2011, report dal CES di Las Vegas: “L’esecuzione dell’opera 109 di Beethoven eseguita da Leonard Shure era così bella che mi ha portato alle lacrime.”

Informazioni:
DNAUDIO
Web: www.dnaudio.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: