Novità da Dolby Laboratories

<span style="font-size:12px;"><span style="font-family: tahoma,geneva,sans-serif;">Il fatto che queste tracce audio suonino meglio dei CD, può essere dovuto ad una migliore attenzione agli sforzi di produzione, all'uso di 24 bit lunghezza di parola, e / o al vantaggio di avere più di due canali con cui giocare. Non <img alt="alt" src="http://www.fedeltadelsuono.net/" style="margin: 3px; width: 250px; height: 114px; float: right;" />avrebbe senso spingere qualsiasi studio o produttore a cambiare gran parte del proprio hardware e software solo per soddisfare le esigenze degli audiofili, e Dolby ha messo a punto una soluzione intelligente e sofisticata. L'elaborazione digitale che include upsampling dei dati del segnale audio può migliorare il suono, ma dal momento che nessun nuovo dato viene effettivamente aggiunto in questo processo, dovrebbe essere ovvio che quello che accade è una conversione più accurata in analogico del dati digitali. Recentemente l'attenzione si è concentrata sui filtri digitali utilizzati nel processo di upsampling, in particolare il nuovo approccio "apodizing" derivato da un documento AES del 2004 del consulente Meridian Peter Craven. I prodotti che includono questo tipo di approccio vanno dai processori e riproduttoriMeridian e DAC Ayre Acoustics, a DacMagic Cambridge Audio e DAC Rega Research. Il prezzo non costituisce un problema, poichè l’upsampling è ormai quasi onnipresente; tutto ciò che è necessario per un filtro di ricostruzione apodizing, che elimina tutte le frequenze Nyquist che si verificano durante l'originale conversione A / D, è il firmware per l'implementazione del filtro .</span></span>

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: