Alexander Romanovsky, Childhood memories

 

Il nuovo CD di Alexander Romanovsky è dedicato ai brani che più gli sono rimasti impressi durante i suoi primi anni di studio. Arabesque di Schumann, La Campanella di Liszt, lo Studio n. 12 di Scriabin, Claire de lune di Debussy e ancora Chopin, Rachmaninov per concludere con la Suite Childhood Memories, brano che dà il titolo al CD, scritto dal compositore maltese-americano Alexey Shor. Nato nel 1970 a Kiev, Shor vive tra Malta e New York: questo lavoro è ispirato al cammino di un ragazzo dall’infanzia fino all’età adulta attraverso 14 brani.

(Decca)

Facebook Comments

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: