COSTRUIRE HIFI # 225 – GENNAIO 2018

TUTTI ALLA TORRE DI SAN VINCENZO

 

Buon anno a tutti voi!

Che questo 2018 sia, quanto meno, migliore del 2017 che si è appena concluso.

Qualcuno potrà dire: ci vuole poco visto quello che è stato il 2017.

Poco o tanto che sia, il 2018 per noi italiani non inizia certo bene…purtroppo.

 

Sono passati 7 giorni e già si parla di nuovi aumenti delle bollette di luce e gas (ogni anno iniziamo così, ormai), di aumenti delle tariffe autostradali… ma per fortuna quest’anno si vota e quindi, almeno fino a marzo, vivremo nella illusione di risiedere in una nazione dove di colpo ci aboliranno la tassa sulla TV (ma non l’avevano messa pochi mesi fa in bolletta?), ci toglieranno la tassa universitaria (a me poco cambia, non mi ero laureato tanti anni fa e di certo non lo faccio ora), ci prometteranno tagli sulle tasse, aumenti delle pensioni, rinvii delle cartelle esattoriali (ah no, scusate, quello è già successo a Natale) e chi più ne ha più ne inventi, tanto mica pagano loro!

Eh già, il problema è proprio questo: loro non pagano mai!

Ma chi sono loro?!?

Sono i politici nazionali? Beh, saremmo scemi a pensare che poco meno di mille persone a Roma possano fare scempio di una nazione. Loro ci si mettono di impegno ma dovremmo guardare altrove.

Sono i politici locali? Questi sono certamente di più ma contano di meno. Fanno danni come la gramigna (a Terni, comune di 100.000 abitanti il comune è in pre-dissesto e il buco che hanno lasciato questi scienziati si aggira intorno, e forse oltre, i 60 milioni di euro!) ma anche in questo caso, secondo me, rappresentano un falso problema.

Non dico che se li buttassimo tutti via e li sostituissimo con cittadini estratti a sorte, le cose non migliorerebbero ma il problema è forse proprio qui.

 

Il vero problema siamo noi italiani!

 

Ci avete mai pensato ma siamo noi che li votiamo, noi che deleghiamo loro le nostre scelte, noi che quando possiamo saltiamo la fila, buttiamo la cicca in terra, facciamo la differenziata con grande sofferenza, prendiamo la macchina per andare anche all’edicola sotto casa…insomma il problema siamo proprio noi.

Questa nazione andrebbe resettata e ripristinata.

Siamo una nazione bellissima ma popolata di gente pessima, tutti, me compreso, ovviamente.

Entri in un ufficio pubblico e ti cascano le braccia: non sai con chi parlare, tranne rare eccezioni tutti sono impegnati a non si sa bene fare cosa ma nessuno che prova a mettersi nei tuoi panni, che poi sono anche i suoi, quelli del cittadino.

Siamo talmente abituati a questa situazione che se vai al pronto soccorso e non trovi il medico di turno (è in ritardo, sta arrivando) siamo portati quasi a giustificarlo: beh, sono solo 37 minuti di ritardo. 37 minuti nei quali poteva morire qualcuno ma lui non c’era. E nessuno che dice: adesso basta!

Tanto sappiamo che ci sarà un giudice che lo tratterà con i guanti bianchi e che nulla cambierà.

Siamo diventati SUDDITI nel nostro STATO e NON CE NE SIAMO ACCORTI.

Ecco qua! Il solito pistolotto pre-elettorale. No, perché io questa volta sono veramente sfiduciato.

Non cambierà nulla sia votando per i viola che per gli arancioni, per i blu o per i rosa…non perché siano tutti uguali ma perché NOI SIAMO TUTTI UGUALI!

Siamo noi che dobbiamo dire BASTA e pretendere che le cose funzionino come dovrebbero… ma tanto questo non accadrà perché, come dice un mio amico americano, “voi state troppo bene, come potete arrabbiarvi”!

È vero. Stiamo troppo bene e le rivoluzioni non si fanno con la pancia piena.

 

Quindi, datemi retta, anziché pensare a chi votare, pensate a finire di costruire il vostro gioiellino che sta li fermo da un po’ di tempo.

Avete tempo ancora poco più di un mese prima di ritrovarci tutti a San Vincenzo, Livorno, per il primo raduno nazionale di AUDIO COSTRUTTORI.

Scriveteci e diteci che verrete, che cosa porterete e noi saremo li, due giorni, per valutare e premiare i migliori di voi ma soprattutto per conoscersi e scambiare quattro chiacchiere tra gente appassionata.

 

Ecco, forse solo la PASSIONE potrà cambiare realmente le cose nel prossimo futuro.

 

Scrivetemi, come sempre, quello che ne pensate a:

 

abassanelli@costruirehifi.net

 

Buona musica e avanti tutta!

 


 

EDITORIALE

Tutti alla torre di San Vincenzo

di Andrea Bassanelli

 

Lettere al Direttore

 

COVER STORY

Stadio toni per pre valvolare

di Luigi Carlo Gasparini Scalzi

 

TEORIA

ElectroStatic Loudspeaker (parte IX)

di Marco Petrolesi

 

E ora… costruire

di Giovanni Cornara

 

PRATICA

FANFATAL

Diffusori da scaffale 2 vie BASS-REFLEX

di Dario Barbara

 

Mio-C-Moy

Mini amplificatore per cuffie stereo tascabile

di Matteo Corrado

 

Una sorpresa vecchia 40 anni:

Bose 1800 MK2

di Alessandro Bortolotti

 

CLUB DEI LETTORI

Facebook Comments

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: