FEDELTA’ DEL SUONO #270 – Giugno 2018

Il grande ritorno… per TRE!

 

 

“GREAT RETURN”

 

I got lost, I went away

From my friends and my kin

When they saw me, the sellers of lies

Could hardly wait to begin

 

Then you stared at me with your unblinking eyes

And I made a great return

You welcomed me with your unblinking eyes

I made a great return

 

In my ancestral memory

Everybody’s still there

But I forgot where it all started from

And I acted like I did not care

 

Then you stared at me with your unblinking eyes

And I made a great return

I finally learned you can not sever the ties

I made a great return

 

In the garden of earthly delights

I was tempted to roam

Like Odysseus you brought me back

To the one place I want to call home

 

Then you stared at me with your unblinking eyes

I made a great return

A moment of stillness then what a surprise

I made a great return

I made a great return

 

 

Album: The Conversation

Autore: Tim Finn

 

 

In molti in questi giorni mi hanno chiesto come sia stato il Monaco di quest’anno, quali impressioni io ne abbia ricavato.

A tutti ho dato la stessa risposta: un Monaco in grande forma, un mercato europeo in piena ripresa anche se la tendenza sembra che sia verso l’ipertrofismo.

Diffusori alti tre metri, amplificatori monofonici grandi come lavatrici, oggetti dal consumo elettrico stratosferico, prezzi iperbolici…

L’ultima evidenza non è certo di questi ultimi mesi – bensì è una tendenza che ormai viene da lontano – ma le altre sono relativamente nuove.

Sembra quasi che alcuni grandi marchi del settore siano stati colpiti dal virus del gigantismo curato a dosi massicce di vitamine e steroidi.

Che senso può avere un amplificatore monofonico da 300 kg? Io che abito in una palazzina al secondo piano non potrei certo mettermelo in casa. Ovviamente mi si risponderà che il problema non sarebbe tanto il peso quanto il costo e che, se c’è qualcuno che può sborsare 1.000 euro al kg, di certo non abiterà in una palazzina al secondo piano con i solai standard.

Potrebbe essere ma quello stesso appassionato dal portafogli gonfio di banconote da 500 € dovrebbe anche chiedere un allaccio diretto alla centrale elettrica più vicina visto che alcuni di questi oggetti vantavano assorbimenti da 8/10 kW per canale! Ma anche in questo caso c’è chi mi ha già preceduto ricordandomi che il Wall Street Journal ci aveva già raccontato qualche mese fa la storia di Takeo Morita, un avvocato giapponese di 82 anni, che ha comprato per 10.000 dollari un palo della luce privato alla ricerca del flusso più puro di corrente elettrica per alimentare i suoi amplificatori americani da 60.000 dollari e le sue casse VOTT originali anni ‘60.

Facendo uno più uno più uno, forse allora scopriamo che queste “ipertrofie audiofile” non sono destinate al nostro vecchio continente ma ad economie e luoghi ben diversi e ben più aggressivi dal punto di vista economico.

Mi riferisco ovviamente al mercato asiatico dove anche l’HI-FI sta diventando uno status symbol da ostentare.

A riprova di ciò a Monaco partecipava per la prima volta il marchio cinese ESD che presentava un suo impianto monomarca dal costo di 1,2 Ml di euro! Sì, avete capito bene 1.200.000 € e, vi assicuro, non era neanche l’impianto più costoso visto e ascoltato a Monaco…

Non vi parlerò qui di come suonavano le lavatrici o l’iper-impianto cinese perché avrete modo di leggerne nell’ampio reportage che vi presentiamo da questo mese e che per tutta l’estate vi accompagnerà nelle curiosità e nei bellissimi ascolti fatti in Germania.

Si, ho parlato di bellissimi ascolti perché, e questa è una piacevole novità, tra le tante follie bisogna dire che quest’anno a Monaco si è ascoltato nettamente meglio di quanto non si fosse ascoltato negli ultimi anni. Segno che, probabilmente, tralasciando i mercati asiatici, chi vuole fare della sana Hi-Fi sa ancora come farla e sa anche come farci sognare!

 

Quello che qui mi preme anticiparvi sono invece TRE GRADITISSIMI RITORNI targati Sonus faber, Cambridge Audio e Chario.

 

Il primo ritorno riguarda Sonus faber che a Monaco ha presentato la sua nuova gamma di entry level denominata Sonetto. Livio Cucuzza ha ancora una volta colpito nel segno perché bisogna dire che sono bellissime!

Senza nulla togliere alle Principia e alle Venere (che peraltro rimangono ancora a catalogo), queste Sonetto sono decisamente belle, riprendendo in parte lo stile già visto con le stupende Olympica (talmente belle e ben suonanti che me le sono comprate!). Tutto bene, direte voi, ma dove sta il ritorno?

Beh, queste nuove Sonetto sono fatte nuovamente in Italia e di ciò non possiamo che rallegrarci oltre che fare un plauso a Filippo Fanton che ha con tenacia lavorato affinché ciò potesse realizzarsi. Bravi!

 

Il secondo ritorno riguarda un marchio storico di oltre manica, Cambridge Audio, che negli ultimi anni si era decisamente smarrito nei meandri dell’HI-FI da GDO.

Dimenticatevi gli ultimi cinque anni e preparatevi al GRANDE RITORNO di uno dei marchi inglesi che ha fatto la storia di questo mondo: la nuova linea EDGE è non solo bella ma suona da paura!

Grande potenza, grande trasparenza, un dettaglio notevolissimo per una nuova gamma composta da pre e finale separati e da un integrato, tutti capaci di interfacciarsi con la rete domestica in modo da consentire l’ascolto di musica liquida. Quando li abbiamo ascoltati ci siamo trovati di fronte ad una squadra di ingegneri tutti giovanissimi ma anche molto preparati ed appassionati.

Leggetevi a pag. 31 le nostre prime impressioni d’ascolto…

 

Last but not least, torniamo in Italia con un gradito ritorno: CHARIO.

Un marchio italiano che ha fatto la storia e che era da molto tempo sparito dai radar. C’è chi diceva fossero falliti, chi diceva che avevano chiuso, chi addirittura che il marchio fosse diventato di proprietà cinese.

Niente di tutto ciò! A Monaco abbiamo finalmente avuto modo di parlare con la nuova dirigenza TUTTA ITALIANA di Chario (Alessandro Migliorini e Michele Nebel) e con il “nuovo” responsabile del settore R&S, il mio “vecchio” amico Mario Murace, che ci ha illustrato e fatto ascoltare le due nuove linee: Aviator e Belong (vedi pag. 30 per una prima impressione di ascolto).

Belle e ben suonanti le Aviator, bellissima e innovativa la Belong Type S Limited, un progetto di bookshelf NO LIMIT che abbiamo avuto modo di ascoltare e gustarci con una certa tranquillità. La sala dove suonavano non era assolutamente idonea e ciononostante il carattere mostrato è di quelli che lasciano ben sperare. A brevissimo su queste pagine ne saprete di più!

 

Prima di salutarvi, vorrei darvi una chicca fresca fresca: il lancio di Amazon Prime Music, un nuovo servizio TOTALMENTE GRATUITO per i clienti Amazon Prime in Italia e che consente loro di accedere a oltre 2 milioni di brani, da ascoltare in streaming e/o disponibili per il download, tutto incluso nell’abbonamento Amazon Prime.

Il servizio è già attivo, funziona perfettamente e offre una grande varietà di offerta, sia di album che di playlist. E bravo Jeff Bezos…

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a

 

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

 


 

EDITORIALE

Il grande ritorno… per TRE!

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

Johnny Cash

Hello, I’m Johnny Cash…

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

a cura di Andrea Bassanelli

 

Reportage Monaco 2018

Caro amico ti scrivo… (parte prima)

a cura di Dimitri Santini

 

Breaking news, great news & welcome back!

a cura di Dimitri Santini

Sonus faber e Audio Research

Chario

Cambridge Audio

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

DAC

Musical Fidelity M6S DAC

La conversione secondo Michaelson

di Paolo Fontana

 

Sintoamplificatore

Yamaha R-N602

Il “multi-amplificatore”

di Paolo Lippe

 

Lettore CD

Roksan blak CD Player

The power in “blak”

di Gabriele Brilli

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END MAGAZINE®

Diffusori bookshelf

ProAc Response DB3

Ritorno all’essenziale

di Alberto Guerrini

 

Preamplificatore e finale a valvole

LAB 12 PRE-1 e SUONO

Zorba danza ancora

di Dimitri Santini

 

PRIMO ASCOLTO

Diffusori da stand

Tannoy Eaton Legacy

Non chiamatelo bookshelf

di Dimitri Santini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

NOTIZIE DAL MONDO DELLA MUSICA a cura di Giada Ventura

DISCO DEL MESE di Mauro Bragagna

JAZZ DISCHI di Francesco Peluso

ROCK E I SUOI FRATELLI AUDIOFILI di Mauro Bragagna

NOVITÀ AUDIOFILE MUSICALI

Il giradischi e la taratura del sistema braccio-testina

a cura di Maurizio Vecchi

APPUNTAMENTI D’ASCOLTO a cura di Giada Ventura

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

Facebook Comments

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: