Stefano Mhanna incanta il MIALT

Domenica 2 Dicembre, a Terni presso la Sala Blu di Palazzo Gazzoli si è tenuto il concerto di Natale finanziato dall’ Associazione Onlus “Museo internazionale delle Armi Leggere di Terni” (MIALT) e organizzato dall’Associazione “Omaggio all’Umbria” che lo ha inserito nella edizione 2018 del progetto Omaggio all’Umbria.

Protagonista il giovanissimo musicista prodigio Stefano Mhanna di 21 anni che si è esibito non solo come direttore ma anche come violino solista della sua Novi Toni Comites Orchestra in brani di grande popolarità come Carmen Fantasy di Pablo de Sarasate, la Campanella di Nicolò Paganini, la Zingaresca di Pablo de Sarasate, un brano di Nicolò Paganini sui temi del Mosè in Egitto di Gioacchino Rossini, in due delle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi .

All’inizio , attratto dalla presenza di un pianoforte a coda sito sul palcoscenico, ha suonato Impromptu op. 66 di Frederyk Chopin e una brano di Franz Liszt sui temi dell’opera “Rigoletto” di Giuseppe Verdi.

Il numeroso pubblico che affollava la sala, caldo ed entusiasta come mai, ha richiesto con molti standing ovations tre bis e fra questi un capriccio di Nicolò Paganini che Mhanna ha suonato camminando felice in mezzo alla sala.

Stefano Mhanna si è diplomato a 11 anni in violino e a 16 in organo, pianoforte, viola e composizione presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. Vincitore di numerosissimi premi nazionali ed internazionali ha ricevuto di recente un riconoscimento da parte del Presidente della Repubblica Italiana. Nel 2010 ha fondato una orchestra, la Novi Toni Comites Orchestra.

Presenti in sala c’erano: il Gen Benigno Riso Presidente dell’Associazione Onlus MIALT, l’ex Prefetto della Provincia di Terni Dott. Augusto Sallusti, il sindaco di Stroncone Alberto Falcini, il Vice Sindaco della città di Terni dott. Andrea Giuli, Il Direttore del Polo di Mantenimento delle Armi Leggere Col. Giuseppe Dei Bardi e rappresentanti delle varie Associazioni ternane.

Facebook Comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.