FEDELTÀ DEL SUONO #315 – MAGGIO 2022 – SIAMO ANCORA IN TEMPO…?

FEDELTÀ DEL SUONO #315 – MAGGIO 2022 – SIAMO ANCORA IN TEMPO…?

 

 

Siamo ancora in tempo…?

 

 

La malattia del nostro tempo è la superiorità.

Ci sono più santi che nicchie.

HONORÉ DE BALZAC

 

 

OUT OF TIME

 

[Intro]

Yeah, yeah

 

[Verse 1]

The last few months, I’ve been workin’ on me, baby

There’s so much trauma in my life

I’ve been so cold to the ones who loved me, baby

I look back now and I realize

 

[Pre-Chorus]

And I remember when I held you

You begged me with your drowning eyes to stay

And I regret I didn’t tell you

Now I can’t keep you from loving him

You made up your mind

 

[Chorus]

Say I love you, girl, but I’m out of time

Say I’m there for you, but I’m out of time

Say that I’ll care for you, but I’m out of time

Said I’m too late to make you mine, out of time (Ah)

 

[Verse 2]

If he mess up just a little

Baby, you know my line

If you don’t trust him a little

Then come right back, girl, come right back

Give me one chance, just a little

Baby, I’ll treat you right

And I’ll love you like I shoulda loved you all the time

 

[Pre-Chorus]

And I remember when I held you (Held you, baby)

You begged me with your drowning eyes to stay (Never again, baby)

And I regret I didn’t tell you (Hey)

Now I can’t keep you from loving him

You made up your mind (Uh)

 

[Chorus]

Say I love you, girl, but I’m out of time

Say I’m there for you, but I’m out of time (No)

Say that I’ll care for you, but I’m out of time (Hey)

Said I’m too late to make you mine, out of time (Ah)

 

[Outro: The Weeknd]

Ooh, singin’, out of time

Said I had you to myself, but I’m out of time

Say that I’ll care for you, but I’m out of time

But I’m too late to make you mine, out of time (Uh)

Out of time

Out of time

 

[Spoken Outro: Jim Carrey]

Don’t you dare touch that dial

Because like the song says, you are out of time

You’re almost there, but don’t panic

There’s still more music to come

Before you’re completely engulfed in the blissful embrace of that little light you see in the distance

Soon you’ll be healed, forgiven, and refreshed

Free from all trauma, pain, guilt, and shame

You may even forget your own name

But before you dwell in that house forever

Here’s thirty minutes of easy listening to some slow tracks

On 103.5 Dawn FM

 

ALBUM: Dawn FM

ARTISTA: The Weeknd

SCRITTA DA: 亜蘭知子 (Tomoko Aran), Tetsuro Harada, The Weeknd & Oneohtrix Point Never

ANNO: 2022

 

 

Siamo ancora nel pieno della guerra Russo Ucraina, una guerra di propaganda da ambo le parti dove non si intravede alcuna di via di uscita visto che i due veri contendenti, ovvero Russia e USA, non accennano ad alcun tentativo di trattativa, almeno apparentemente… eppure non intendo parlare di guerra ma di musica! Partendo da ciò che Lorenzo Zen ha scritto questo mese ma anche e soprattutto da ciò che è successo qualche giorno fa.

Mia figlia ha compiuto qualche giorno fa 15 anni  e si è regalata un vinile di uno dei suoi cantanti preferiti: Dawn FM di The Weeknd.

Al momento di decidere se acquistarlo o meno mi ha fatto tutte le domande di rito:

Perché il vinile costa così tanto?

Ma durerà nel tempo?

E soprattutto… come si sentirà?

Quando è stato il momento di ascoltare il vinile, le ho fatto vedere come si accende l’impianto, come si sceglie il giradischi come sorgente, poi le ho fatto vedere come si accende il giradischi e come si posiziona la testina… e finalmente ecco la musica.

Maria Giulia era contenta di quello che ascoltava e della bizzarria di quello strano oggetto che girava e produceva suoni, vedevo però che non era del tutto certa di aver fatto il giusto acquisto…

Allora, a sua insaputa, dal mio iPhone mi sono collegato ad Apple Music e ho selezionato la stessa canzone che stava ascoltando dal giradischi, ho aspettato che terminasse la canzone e ho fatto partire la stessa scegliendo però come sorgente audio non il giradischi ma la musica presa dalla libreria Apple.

Il brano era ovviamente codificato come Dolby ATMOS, Lossless, Apple Digital Master… in pratica il massimo della qualità possibile attraverso quel servizio di streaming…

Subito mia figlia si è girata verso di me  e mi ha detto: che è successo? Si è rotto il giradischi?

 

La differenza era imbarazzante, chiara a chiunque.

 

Quello che per noi appassionati è chiarissimo (ma siamo sicuri che lo è per tutti?!?), ora era chiaro anche a mia figlia: il vinile suona immensamente meglio dello streaming.

E non parliamo di una incisione “audiofila” ma di un vinile commerciale.

E non parliamo di un impianto hifi “esoterico” ma di un impianto di basso costo (almeno per gli standard di questo nostro mondo di riferimento).

E allora vengo alla domanda finale di mia figlia: ma perché non fate ascoltare a tutti quale è la differenza tra la musica che ascoltiamo tutti i giorni e quella che invece si potrebbe ascoltare?

 

GIÀ… PERCHÉ?

 

Io una risposta me la sono data anche vedendo quello che è accaduto di recente in alcune fiere di settore: ad alcuni operatori di questo nostro mondo non interessa avvicinare nuovi clienti e in particolare i giovani, a meno che non si tratti di nuovi clienti o di giovani particolarmente danarosi!

A Rimini e Bari è andata in onda la solita litania delle fiere fatte e pensate DA NOI PER NOI. Forse degli eventi interessanti, forse anche ben organizzati ma totalmente autoreferenziali.

La gran parte degli operatori di questo settore non vuole vedere che fuori da questo nostro recinto, nel quale ci siamo rinchiusi, c’è un mondo di potenziali clienti che non ha idea di cosa significhi ascoltare bene la musica riprodotta.

E, d’altronde, le riviste sono le prime a non aver capito che è praticamente inutile dibattere di bislacche teorie legate al tempo zero o altre amenità quando non si ha chiaro che abbiamo già tutto qui, se solo provassimo a guardare il mondo che ci circonda con meno snobismo culturale, pensando che esiste una musica “colta” e poi c’è il resto…

Honoré de Balzac continua a ricordarcelo da secoli e spero soltanto di essere ancora in tempo e di non essere invece “Out of time” come canta Abel Makkonen Tesfaye!

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a:

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

Andrea Bassanelli

 

 

————————————

 

 

EDITORIALE

Siamo ancora in tempo…?

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

Summer of Soul

Paint it Black

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli

 

ADVENTURES IN HI-FI

Fase e ritardo (3^ Parte)

di Umberto Nicolao

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

FDS TECH AWARD

Diffusori da stand

Brianza Audio Lab Piccole Monitor LE

La riscossa del suono italiano

di Marco Bicelli

 

FDS BEST VALUE

Streamer

Silent Angel Munich M1T

Chiusura del cerchio?

di Roberto Pezzanera

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END

FDS TOP QUALITY

Diffusori Bookshelf

Odeon Audio Orfeo

Lo squillo di tromba

di Alberto Guerrini

 

FDS TOP QUALITY

Amplificatore Integrato

Copland CSA 70

Il rigore scandinavo, estetico e sonico

di Alberto Guerrini

 

FDS EDITOR’S CHOICE

DAC, preamplificatore, ampli cuffie, streamer

Gold Note DS-10 PLUS

L’eccellenza che viene dalle colline fiorentine

di Alberto Guerrini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione

e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

Notizie dal mondo della musica

a cura della Redazione

Disco del mese di Mauro Bragagna

Jack White – “Fear of the Dawn”

Jazz dischi di Francesco Peluso

Rock e i suoi fratelli audiofili

di Mauro Bragagna

Deus Ex Audio di Paolo Lippe

Shostakovich – Concerti per Pianoforte 1 & 2

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.