FEDELTÀ DEL SUONO #317 – LUGLIO 2022 – LA MUSICA FA STARE MEGLIO

FEDELTÀ DEL SUONO #317 – LUGLIO 2022 – LA MUSICA FA STARE MEGLIO

 

 

La musica fa stare meglio

 

 

Se non vogliamo condannarci all’infelicità, dobbiamo tenere la mente sgombra e sforzarci di trovare un contatto con il mistero e il vuoto che è dentro di noi. La musica vi si insinua, riempie gli spazi, fa stare meglio.

GIOVANNI ALLEVI

 

 

TANTO PE’ CANTÀ

 

È una canzone senza titolo

Tanto pe’ cantà

Pe’ fa quarche cosa

Non è gnente de straordinario

È robba der paese nostro

Che se po’ cantà pure senza voce

Basta ‘a salute

Quanno c’è ‘a salute c’è tutto

Basta ‘a salute e un par de scarpe nove

Poi girà tutto er monno

E m’a accompagno da me

 

Pe’ fa la vita meno amara

Me so’ comprato ‘sta chitara

E quanno er sole scenne e more

Me sento ‘n core cantatore

La voce e’ poca ma ‘ntonata

Nun serve a fa ‘na serenata

Ma solamente a fa ‘n maniera

De famme ‘n sogno a prima sera

 

Tanto pe’ cantà

Perché me sento un friccico ner core

Tanto pe’ sognà

Perché ner petto me ce naschi ‘n fiore

Fiore de lillà

Che m’ariporti verso er primo amore

Che sospirava le canzoni mie

E m’aritontoniva de bucie

 

Canzoni belle e appassionate

Che Roma mia m’aricordate

Cantate solo pe’ dispetto

Ma co’ ‘na smania dentro ar petto

Io nun ve canto a voce piena

Ma tutta l’anima è serena

E quanno er cielo se scolora

De me nessuna se ‘nnamora

 

Tanto pe’ cantà

Perché me sento un friccico ner core

Tanto pe’ sognà

Perché ner petto me ce naschi un fiore

Fiore de lillà

Che m’ariporti verso er primo amore

Che sospirava le canzoni mie

E m’aritontoniva de bucie

 

ALBUM: NINO MANFREDI

ARTISTA: Nino Manfredi

SCRITTA DA: Alberto Simeoni ed Ettore Petrolini

ANNO: 1970

 

 

Partiamo dalla notizia che forse tutti voi già sapete: la società attiva nel settore del private equity LBO France e l’holding di investimento italiana Yarpa hanno venduto McIntosh Group, attivo nel settore degli apparecchi Hifi di alta gamma per il mercato consumer, all’holding di investimenti texana Highlander Partners. Yarpa (che fa capo a Vittoria Assicurazioni) ha agito attraverso la sua controllata Ylf. LBO France e Yarpa avevano acquistato a loro volta McIntosh Group (ex Fine Sounds) dal fondo Quadrivio SGR nel maggio del 2014, che a sua volta aveva acquistato dapprima Sonus faber nel 2007 e McIntosh nel 2012.

Fin qui la notizia nuda e cruda, ma a ben vedere c’è molto di più da analizzare. Highlander Partners è una società di investimento privata con sede a Dallas, con oltre 2,2 miliardi di dollari di asset in gestione, principalmente focalizzati nel settore sanitario… percorso molto simile all’altro colosso del settore hifi, la Bower & Wilkins, prima acquistata nel 2106 da una start-up della Silicon Valley (Eva Automation) fondata dall’ex-CFO di Facebook Gideon Yu, per poi essere acquisita nel 2020 dalla Sound United, una società in portafoglio di una società di private equity con sede negli Stati Uniti che possiede già Boston Acoustics, Classé, Definitive Technology, Denon, HEOS, Marantz e Polk Audio. Sound United a sua volta è di proprietà della DEI Holdings che appartiene alla Charlesbank Capital Partners, società di private equity con sede a New York e Boston.

Vi siete persi? Anche io ma basta solo porre l’attenzione sul fatto che i due più grandi brand del settore, B&W e McIntosh, da anni hanno cercato di aumentare il loro peso specifico sul mercato attraverso una strategia di acquisizioni e di consolidamento, col supporto di fondi d’investimento, i quali, notoriamente, dopo un certo numero di anni vogliono monetizzare il loro investimento, che non è PRODUTTIVO ma SOLO FINANZIARIO. In tutto questo vortice di acquisizioni e cessioni, l’unica cosa certa è che il baricentro dell’iniziativa, che dapprima era tutto incentrato in Italia, ad Arcugnano in particolare, si sta sempre più spostando verso l’America, da dove Jeff Poggi ha guidato l’intera operazione. Sarà un’operazione finanziaria (come fu quella che portò la B&W ad incontrare Eva Automation) oppure sarà un’operazione con solide basi produttive, come quella che invece ha portato di recente la B&W ad approdare in casa Sound United?

Forse è ancora presto per dirlo ma a vedere il focus della Highlander Partners sembrerebbe di vedere poche o scarsissime sinergie all’interno del portafoglio marchi in pancia al gruppo texano…

Noi per il momento ci limitiamo a provare i loro prodotti (come potete vedere a pagina 40 con la prova degli strepitosi MC611) e a tenere d’occhio l’intera vicenda, anche se siamo quasi certi che la girandola non terminerà qui…

 

Sempre restando in tema di anticipazioni, vi invito a leggere a pagina 50 la mia prima prova di ascolto di un componente hifi! Dirigo questo piccolo gruppo editoriale dal 2003 e questa rivista dal luglio del 2016 (era il numero 247, settanta numeri esattamente sei anni fa!) e non ho mai recensito nulla, pur avendo sia la competenza giornalistica che secondo me anche quella tecnica. Mi sono cimentato con un nuovo prodotto, il Technics SA-C600, che è una sorta di moderno compatto di una volta, che anziché essere venduto in rack, è un all-in-one (ampli, CD, streamer, pre phono e radio FM e DAB). A me è piaciuto molto sia l’oggetto che provarlo e condividere con voi le mie impressioni. Mi piacerebbe moltissimo sapere cosa ne pensate sia del prodotto che, ancor di più, della mia recensione. Devo dire che ringrazio moltissimo il sig. Tranquilli che con la sua lettera molto dura e caustica nei miei confronti, mi ha spinto a fare un passo che meditavo da mesi…  grazie mille sig. Tranquilli e continui a leggerci e a scriverci.

 

Prima di lasciarvi andare alla lettura della rivista, vorrei farvi partecipi di una mia personale battaglia e di un impegno che ho preso con me stesso e con tutte le persone che hanno lottato con me in questi due anni contro il TUMORE. Il musicista Giovanni Allevi ha dichiarato che dovrà allontanarsi per un po’ dalle scene per combattere un TUMORE che lo ha colpito. “Ho sempre combattuto i miei draghi interiori in concerto insieme a voi, grazie alla Musica. Questa volta perdonatemi, dovrò farlo lontano dal palco” ha scritto giorni fa. Pochi giorni prima il figlio di un mio carissimo amico ha scoperto di avere un TUMORE ai testicoli e altri due miei amici lottano contro un TUMORE al cervello… credo che se ci giriamo intorno, scopriremo che ognuno di noi ha almeno una persona cara o un conoscente stretto che ha avuto o ha ancora un TUMORE…

Abbiamo passato due anni a parlare solo di Covid dimenticando che “in Italia vi siano in un anno 377.000 nuove diagnosi di TUMORE, circa 195.000 fra gli uomini e circa 182.000 fra le donne e che nel corso della vita circa un uomo su 2 e una donna su 3 si ammalerà di TUMORE”. Ma che cos’è un TUMORE? Secondo l’AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), per TUMORE si intende “una proliferazione cellulare anomala e può essere limitata alla sede di origine, oppure può dare origine a metastasi. CANCRO invece indica solo un TUMORE in grado di produrre metastasi”. Tra i due, il TUMORE viene considerato la “malattia primitiva”, quella da cui si genera la mutazione del DNA all’interno delle cellule. Il CANCRO, invece, può presentarsi in uno stadio successivo, comportando la possibile formazione di metastasi. Non dobbiamo aver paura di chiamare questa malattia col suo vero nome, così come non bisogna aver paura della malattia stessa… perché se è vero che il TUMORE è la seconda causa di morte in Italia (dopo le malattie del sistema circolatorio), bisogna anche dire che grazie alla ricerca sempre più spesso di TUMORE NON SI MUORE, o almeno non più come prima. I dati parlano chiaro: in Europa da alcuni TUMORI si guarisce in più di 8 casi su 10. Succede, per esempio, per il TUMORE del testicolo (nel 94% dei casi) e della tiroide (87% per le donne e 70% per gli uomini) e per i melanomi cutanei (86% nelle donne e 76% negli uomini).

Che cosa bisogna fare allora?

Cercare di mantenere uno stile di vita sano, evitare per quanto possibile tutte le fonti note di TUMORE, fare spesso delle visite mediche preventive e DESTINARE IL 5×1000 a chi da sempre LOTTA CONTRO I TUMORI, come ad esempio la Fondazione Umberto Veronesi, la Fondazione Oncologia Niguarda oppure l’AIRC o la LILT solo per citarne alcune. Non vi costa nulla ma potrete salvare tante vite e dare a tanti di noi una speranza!

 

Prima di salutarvi, non posso che invitarvi nuovamente a SOSTENERCI sottoscrivendo l’abbonamento a FEDELTÀ DEL SUONO oppure a rivolgervi, come avete sempre fatto al VOSTRO EDICOLANTE DI FIDUCIA che continuerà a fornirvi la VOSTRA COPIA DELLA RIVISTA! Se, per qualsiasi motivo, non dovesse più averla, potete chiedere al VOSTRO EDICOLANTE di farsela rimandare oppure POTETE SCRIVERE A:

abbonamenti@blupress.it

chiedendo di acquistare la copia di questo, o dei numeri successivi, allo STESSO PREZZO DI COPERTINA, SPESE DI INVIO COMPRESE.

 

Scrivetemi pure, come sempre, senza remore a:

abassanelli@fedeltadelsuono.net

 

Buona musica e avanti tutta!

Andrea Bassanelli

 

 

———————————————————–

 

 

EDITORIALE

La musica fa stare meglio

di Andrea Bassanelli

 

IN COPERTINA

The Clash

I Fantastici Quattro

di Mauro Bragagna

 

IL CAPPELLO A CILINDRO

Lettere al Direttore

di Andrea Bassanelli

 

ADVENTURES IN HI-FI

E’ giunta l’ora di calare il sipario su fase e ritardo

di Umberto Nicolao

 

IL REGNO DEGLI ASCOLTI

FDS TECH AWARD

Impianto completo (amplificatore, lettore CD e diffusori)

Amplificatore Leak Stereo 130 + meccanica di lettura Leak CDT + diffusori acustici Wharfedale Denton 85th Anniversary

  • Ascolti di un’hifi accessibile

di Marco Bicelli

 

FDS BEST VALUE

Amplificatore Phono per testine MM ed MC

  • TAGA Harmony TTP-300

Il brutto anatroccolo

  • di Marco Bicelli

 

I DECALOGHI

di Lorenzo Zen

 

HI-END

FDS TOP QUALITY

Amplificatore Finale monofonico a stato solido

McIntosh MC611

La cornucopia audiofila!

  • di Alberto Guerrini

 

FDS TOP QUALITY

Sistema Hi-Fi all in one con streamer e CD

  • Technics SA-C600

L’impianto definitivo… di partenza!

  • di Andrea Bassanelli

 

FDS EDITOR’S CHOICE

Lettore CD, SACD, network streamer

  • Arcam CDS50

La sapienza che viene da Cambridge

  • di Alberto Guerrini

 

IL CLUB BLU PRESS

Accessori – Modulo Iscrizione

e Abbonamenti

 

LA BACCHETTA MAGICA

FDS MUSICA a cura della Redazione

Notizie dal mondo della musica

a cura della Redazione

Disco del mese di Mauro Bragagna

Calibro 35

“Scacco al Maestro – Volume 1”

Jazz dischi di Francesco Peluso

Rock e i suoi fratelli audiofili

di Mauro Bragagna

Deus Ex Audio di Paolo Lippe

The Church

Starfish

 

ANNUNCI COMPRO/VENDO

a cura della Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.