Fine Sounds acquisisce McIntosh: gli occhioni blu diventano tricolore!

<span style="font-size:12px;"><span style="font-family: tahoma,geneva,sans-serif;">Il CEO di Fine Sounds Mauro Grange ha dato la buona notizia ai suoi “ragazzi” in quel di Arcugnano (VI) nella sede di Sonus faber, la prima delle controllate di cui è l’amministratore: è fatta, si aggiunge un altro tassello della politica<img alt="alt" src="http://www.fedeltadelsuono.net/" style="width: 250px; height: 167px; margin: 3px; float: right;" /> cominciata nel 2007 dal fondo di investimenti che controlla  l’azienda vicentina. E che tassello: l’acquisizione che si è appena conclusa porta nel paniere comune il marchio McIntosh!<br />
Continua così la politica espansionistica di Fine Sounds il “braccio armato” delll’equity found italiano Quadrivio che dopo l’acquisizione di Sonus Faber (2007) ha deciso di investire in hi-fi conquistandone rapidamente la vetta. Prima Audio Research (2008), poi Wadia (2010), in seguito il distributore americano Sumiko (2011) e ora il simbolo per eccellenza dell’hi-fi quella McIntsh che vanta nobili origini (fondata nel 1949) e i cui "occhioni blu" (i Vu Meter che immancabilmente capeggiano nei suoi apparecchi) rappresentano l’essenza dell’alta fedeltà.<br />
Le banche hanno dato l’ok, sono stati trasferiti i fondi e firmati gli accordi con D&M, altro equity found, americano, che controlla marchi come Boston, Marantz e Denon e controllava (ormai bisogna parlarne al passato) anche McIntosh... L’interesse di D&M è quella d aggredire il segmento consumer della riproduzione sonora, quella di Fine Sound di crearne il polo dell’eccellenza: i due si dunque sono incontrati!<br />
L’offerta di Fine Sound e la possibilità di creare sinergia diventa ora davvero interessante e in grado di coprire, con le sue competenze, l’intera area a cui si è dedicata: dal digitale (Wadia) all’elettroacustica, (Sonus faber) passando per l’elettronica, orientata verso soluzioni a valvole (Audio Research) o a transistor (McIntosh).</span></span>

Facebook Comments

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: