FDS WORLD: dalla Polonia, stadio fono TheRIAA di RCM Audio

Il THERIAA è un design completamente nuovo di Roger Adamek, titolare della RCM Audio. In Polonia, Roger Adamek è conosciuto soprattutto per la sua passione per l’analogico. La sua società di distribuzione RCM SC, dalla quale è nata la RCM Audio, è stata per molti anni uno dei pochi posti dove si poteva ascoltare e acquistare giradischi, cartucce, ecc. Adamek e il suo team sono probabilmente i migliori esperti in Polonia in fatto di analogico. Il THERIAA è un design dual-mono a stato solido, con alimentatore separato.L’alimentazione è simmetrica e l’accoppiamento con l’unità principale è via cavo di alimentazione terminato con connettori Amphenol. L’alimentatore ha tre stadi di filtrazione, con non meno di 125.600 µF per canale. Impiega altcondensatori di Elna, Panasonic (serie argento), Nichicon Fine Gold e Wima, tutti accuratamente selezionati attraverso prove di ascolto.
Il circuito di equalizzazione del RIAA è completamente passivo. Tutti i componenti passivi vengono selezionati a mano, individualmente per ogni singola unità. Il preamplificatore ha il guadagno totale di 76 dB e vanta una precisione RIAA di + / – 0,1 dB (da 20 Hz a 20 kHz). La modalità di ingresso è selezionabile: bilanciato o sbilanciato. Il livello di uscita nominale è di 2 V (9 V massimo). La capacità di ingresso è di 100 pF. Il guadagno può essere regolato su 8 livelli (da 0,2 a 5 mV) e l’impedenza di ingresso su 7 livelli (da 20 a 47 Ohms kOhm).
Lo chassis è realizzato con piastre in alluminio anodizzato nero da 10 mm e 5 mm, prodotto in Germania su specifiche tecniche della RCM Audio. Il finale è di tipo professionale, forse un po’ vecchio stile, per i suoi LED montati sull’alimentazione, ma comunque molto elegante. Il telaio dell’alimentazione è più modesto, ma è comunque buono. Il coperchio superiore dell’unità principale è rivestito con materiale antivibrante, e strisce dello stesso materiale sono anche in tutti gli altri pannelli. I piedi sono in acciaio inox montati sul dispositivo in modo flessibile. Il pannello frontale dispone di otto LED in due file di quattro, che indica lo stato corrente del dispositivo. Due file, poiché si tratta di un vero design dual-mono e può essere visto come due dispositivi separati contenuti nello stesso box. Questa separazione dei canali è visibile anche sul pannello posteriore: gli ingressi RCA placcati oro e le uscite RCA e XLR sono molto distanti. Ciò dimostra che anche le schede di ciascun canale sono ben separate. Lateralmente c’è un altconnettore di alimentazione a baionetta Amphenol con pin placcati in oro, per collegare un cavo di alimentazione di 2 metri con la scatola di alimentazione separata che alloggia i trasformatori e i raddrizzatori. Vi è anche un terminale di messa a terra e DIP switch per selezionare l’impedenza d’ingresso, il guadagno, e la modalità di ingresso bilanciato o sbilanciato. All’interno è diviso in tre sezioni – due per i canali sinistro e destro, e un piccolo alloggiamento per il cavo di alimentazione. I canali sono separati da una piastra di alluminio da 10 mm e un canale è separato dal cavo di alimentazione da un angolare di alluminio. Ogni canale è costruito su due schede: uno contiene i regolatori di tensione e l’altro è lo stadio di guadagno con la correzione RIAA. Lo stadio di guadagno è basato su cinque circuiti integrati per canale. All’ingresso c’è il 1510 di THAT Corporation, un amplificatore a banda larga ad alto guadagno e con bassissima rumorosità. Il circuito stampato ospita un grande chip TL074 di STMicroelectronics con ingresso JFET, che lavora come logica di sistema (LED, relè, ecc) e non si trova sul percorso del segnale. Il secondo stadio di guadagno è basato su OPA2134 Burr Brown e 1610 THAT. Il circuito nel suo complesso sembra essere bilanciato nonostante il fatto che non ci sono ingressi XLR. I componenti passivi sono eccellenti: resistenze metallizzate e condensatori in polipropilene Wima e EVOX, così come condensatori elettrolitici Nichicon Fine Gold e Panasonic. I DIP switch sono di Omron.Il secondo circuito stampato in ciascun canale, situato vicino al pannello frontale, è un alimentatore complesso. Esso contiene 18 (per canale) condensatori elettrolitici per il filtraggio di tensione e tre condensatori in polipropilene supplementari. Tra questi vediamo due (per canale) regolatori di tensione su dissipatori di calore Linear Technology LT3080.Infine, l’alimentatore. È circa la metà delle dimensioni dell’unità principale e ha uno chassis leggermente diverso. Fronte e retro sono realizzati in piastre di alluminio, mentre la parte superiore, inferiore e i lati formano un profilo chiuso in cui si trovano le schede dell’alimentazione: semplice maalt solido. Solo i piedi sono abbastanza banali, delle semisfere in gomma incollate sul fondo del telaio.Il pannello frontale sfoggia un LED che indica l’accensione, la parte posteriore dispone di una presa di alimentazione IEC con un fusibile e un grande interruttore meccanico. Il PSU è costruito su un grande circuito stampato. In ingresso, guardando dal pannello frontale (rivestito con un tappetino ammortizzante), abbiamo una grande rete di filtro e due trasformatori, uno per ogni canale. Dietro di loro trovano posto i raddrizzatori a ponte sui dissipatori di calore e un bel po’ di condensatori di filtraggio, sei per canale. Entrambi i canali di alimentazione sono separati l’uno dall’altro con una lastra di alluminio spessa che funziona come schermatura. Il cavo di alimentazione DC, con quattro coppie di fili di rame intrecciati e un filo di terra supplementare, si trovano sulla parte posteriore. Il suono è dinamico e rende un’ottima rappresentazione dello spazio olografico, senza artificiosità. Anche se i migliori preamplificatori a valvole hanno una gamma media più satura, il preamp polacco compie ottimamente il suo dovere.

Facebook Comments

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: