FDS Navigator


SCARICA IL NOSTRO FDS NAVIGATOR,

CLICCA QUI!

 


FDS, CHF ed ora GFDS-Navigator!

Come orientarci nel labirinto delle informazioni

 

di Stefano Felice

 

 

Quale occasione migliore, se non quella della nascita di un nuovo Navigator questa volta dedicato alle Guide di Fedeltà del suono, per soffermarci a ragionare su questi particolari strumenti ora più che mai partner ideali per le nostre amate riviste.

 

Sono piacevolmente stupito dal fatto che sono passati già cinque anni dalla presentazione del primo Navigator, ma lo sono ancora di più se analizzo i risultati conseguiti ovvero che sono stati catalogati più di 3500 articoli con circa 27000 informazioni. Perché stupito? Perché tale risultato l’ho raggiunto caricando i dati manualmente e questo, per chi sa cosa significa ed unito al fatto che lo faccio da un lustro, rappresenta un motivo di grande soddisfazione. Sono altresì soddisfatto per i tanti appassionati ed affezionati lettori, ma anche ai lettori occasionali, che ora dispongono di un super-indice con il quale rintracciare, con estrema semplicità e rapidità, quanto ad oggi pubblicato sulle riviste della casa editrice Blu Press e dedicate al nostro hobby. Come avrete intuito il nostro Navigator non ha niente a che vedere con altri tipi di navigatori che attualmente sono molto di moda e senza i quali saremmo “uomini persi”. Ma la similitudine ci può stare in quanto è un foglio elettronico che ci permette di “navigare” sopra le informazioni precedentemente catalogate e che ci conduce ad un preciso indirizzo e cioè la, dove è riposto l’articolo di nostro interesse. Volendo continuare a giocare con le similitudini e nel contempo iniziare ad entrare nel merito di questo lavoro vi posso dire che il Navigator rientra a pieno titolo nella categoria di quegli strumenti che si fanno prima a mostrare che a raccontare e quando si cerca di spiegare il loro funzionamento il rischio è quello di addentrarsi in pericolosi labirinti dialettici che non fanno assolutamente bene alla salute mentale.

Quindi, scusandomi fin da adesso se diventerò prolisso e noioso, di seguito tenterò di illustrare una serie di aspetti trasversali che riguardano principalmente i contenuti e un po’ meno le modalità d’uso di questi strumenti informatici che ricordo sono dedicati alle riviste: Costruire HiFi (CHF-Navigator), Fedeltà del Suono (FDS-Navigator) e Le Guide di Fedeltà del Suono (GFDS-Navigator).

 

COSA SONO

Come vi accennavo precedentemente, i Navigator sono dei fogli elettronici utilizzabili attraverso l’uso di un personal computer, la cui consultazione può avvenire o direttamente connessi ad internet, oppure, sconnessi dalla rete, nella cosiddetta modalità off-line, solo dopo, però, aver effettuato il download del file sul proprio PC. In questi fogli elettronici sono stati inseriti i riferimenti di tutti gli articoli pubblicati dalle relative testate ordinati dal primo all’ultimo numero. Ogni riferimento, o record, si trascina altre informazioni che tendono a specializzarsi in funzione del tipo di argomento trattato dalla specifica rivista. I dati sono più o meno della stessa natura tra FDS e GFDS che trattano maggiormente informazioni relative ai prodotti commerciali, mentre su CHF, che tratta argomenti più finalizzati alla tecnica e all’audio fai da te, oltre alle informazioni di carattere generale ho inserito un campo “note” dove sono contenute delle informazioni accessorie. Queste ultime possono tornare utili, almeno spero, nei termini che spiegherò più avanti. Quindi questi strumenti possono offrire immediatamente, a chi possiede un gran numero di riviste se non addirittura le intere raccolte: informazioni di tipo statistico, informazioni di carattere generale sui prodotti, sui progetti, sui componenti elettronici e le ovvie indicazioni per la reperibilità degli articoli originari. Inoltre, offrono la possibilità di personalizzazioni secondo le proprie esigenze e la possibilità di stampare le informazioni volute.

 

A COSA SERVONO

Ora vorrei evitare di tediarvi ancora sulle modalità d’uso per la consultazione delle informazioni contenute in un foglio elettronico, cosa già molto intuitiva e comunque suscettibile di approfondimenti consultando gli articoli apparsi sia sul n. 60 di CHF che sul n. 101 di FDS, mentre mi piacerebbe dare un’idea più chiara dell’utilità che può offrire la “navigazione elettronica” fra i vari articoli disponibili raccontandovi un fatto personale. Premetto che anch’io sono un appassionato a 360° di questo bellissimo hobby. Di recente, durante una pausa lavorativa, sbirciando tra le inserzioni dell’audio usato, mi sono imbattuto in un mio vecchio pallino: il “Klimo Beltaine”. Questo amplificatore, in quattro telai, mi ha sempre trasmesso un non so che di intrigante fino a considerarlo un ipotetico partner per i miei diffusori ad alta efficienza, sono tra l’altro anche un tannoysta da 15 pollici. Premesso ciò, per valutarne l’acquisto, direi a cifre comunque per me importanti, sarebbe opportuna una bella prova sul campo, ma il tempo disponibile è poco e comunque non ce ne sarebbe la possibilità. Mi rendo conto allora che l’unica cosa che posso fare è quella di approfondire il più possibile le notizie relative a questi amplificatori utilizzando le riviste in mio possesso. Si, ma quali riviste e su quali numeri? Ed ecco come entrano in gioco i Navigator.

 

CASE HISTORY

Li apro contemporaneamente ed inizio a ricercare quanto è stato già pubblicato sui Beltaine. Il primo riferimento che trovo riguarda il numero 100 di FDS dove c’è una “scheda d’ascolto” dedicata ad un impianto monomarca nel quale suona il finale in questione, bene, procedo ancora nella ricerca e trovo un altro articolo che lo riguarda questa volta sul numero 1 delle Guide di FDS.

Bene, potrebbe bastare, ma decido di approfondire anche le mie informazioni sulla 300B, che vi ricordo essere la valvola di potenza utilizzata da questo finale. Quando si tratta di tubi elettronici non puoi fare a meno di estendere le ricerche su Costruire HiFi utilizzando il CHF-Navigator. Fra i tanti articoli che hanno trattato questo splendido triodo ce né uno in particolare, sul numero 38, che nella rubrica “una valvola al mese” ci ha raccontato della 300B Western Electric, antica casa costruttrice di blasonate valvole termoioniche. A questo punto ritengo che andando a leggere quanto rintracciato potrei avere un quadro più o meno completo. Però attenzione…! Il Beltaine, pur essendo un Single-Ended, basa la sua prestazione affidandosi ad una configurazione circuitale che utilizza un trasformatore d’uscita per push-pull ed il bilanciamento del circuito finale avviene per mezzo di un carico attivo: la valvola EL34. Essendo questo un particolare aspetto tecnico provo a cercare meglio su Costruire HiFi ed a sorpresa, sul numero 37, ti salta fuori addirittura lo schema elettrico! Questo significa che in caso di acquisto avrei anche un po’ di documentazione tecnica. In effetti, non me lo ricordavo più, ma avevo inserito a suo tempo una “nota”, nel relativo campo, a fronte di un’interessante risposta, riportata nella rubrica della “posta”, data ad un lettore che chiedeva lumi su questa particolare configurazione tecnica e lo spunto della risposta partiva dallo schema del Beltaine. Ma poi ‘sto benedetto ampli lo hai comprato? No! Purtroppo nonostante l’impegno mancai di tempestività e l’acquisto saltò. Ora, come finale di potenza, uso un ML 27.5 …(?). Avete ragione, mi sono comportato come chi esce per andare all’edicola per comprare Topolino e poi torna con Playboy! Ma che volete farci, credo di non inventarmi niente se affermo che il bello delle passioni sono soprattutto gli aspetti irrazionali…! Che dite la finiamo qui? Però nel salutarvi mi piacerebbe sapere da voi, affezionati lettori, ma anche dai numerosi collaboratori: ma i “Navigator” lì utilizzate? Lì trovate utili? Vi piacerebbero fossero fatti in altro modo? Vi chiedo ciò perché non credo ai lavori perfetti e quindi mi aspetto feed-back, anche di natura critica, in mancanza dei quali sarei portato a dubitare sulla reale utilità di questi lavori. In ultimo ma non ultimo, lasciatemi salutare affettuosamente i miei “cucciolotti” che negli ultimi due anni e mezzo, prima Paolo e poi Luca, hanno arricchito la mia vita. Alla prossima avventura…ciao!

Facebook Comments

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.